domenica 12 novembre 2017

Recensione #138 Sei nelle mie parole by Charlotte Link


Autrice: Charlotte Link
Titolo: Sei nelle mie parole
Editore: Corbaccio
Data di pubblicazione: 12 marzo 2015
Pagine: 240

Trama
Charlotte Link è una scrittrice famosa. I suoi romanzi sono bestseller. Sua sorella Fraziska di un anno e mezzo più giovane, è morta dopo aver combattuto sei anni contro il cancro. «Lei era ed è il più bel regalo che i miei genitori mi potessero fare» scrive Charlotte Link, che in questo sconvolgente memoir racconta, su esplicita richiesta della sorella, la storia della sua malattia, e la lotta che lei e tutta la famiglia hanno combattuto. Charlotte Link è abituata a lavorare con le parole, ma in questo libro ogni parola è importante, è un distillato di conoscenza, di sofferenza e soprattutto di amore. E il messaggio che riesce a trasmettere al lettore attraverso questa personalissima esperienza è chiarissimo e tutt’altro che disperato: l’amore non può sconfiggere la morte, ma rende la vita degna di essere vissuta.






Guardo mia sorella, e tutto quel che sento è amore. Non ho mai sentito un amore più forte,
più completo e profondo nella vita.
Un amore talmente grande che non c’è posto
per la tristezza.
È l’amore che ha sempre unito me e mia sorella,
dal primo giorno.
E che sopravvivrà alla morte.



Rieccomi a parlare di un libro scelto per spuntare il punto di una challenge. Questo chiedeva di leggere un libro di Charlotte Link. Ammetto che non avevo voglia di sorbirmi un mattone di oltre 400 pagine di un'autrice che non conosco pur avendone sentito parlare benissimo, così spulciando Amazon ho visto questo suo volume con pagine inferiori e l'ho preso. Ero consapevole che l'argomento principale del romanzo non era facile da affrontare, anche perché ho avuto esperienza di cancro in famiglia, sapevo a cosa andavo incontro.



Ma chi ha avuto in famiglia un caso di cancro
mi può comprendere:
niente è più come prima.
Il terrore ti si radica dentro
e non ti lascia più.



Questa è la storia delle esperienze vissute dall'autrice quando l'amata sorella si ammala di cancoro, della lotta quotidiana contro questo male che non da molte alternative di guarigione e per cui ci si aggrappa anche a speranze effimere.
Ciò che mi ha colpita maggiormente di questa storia è il tono con cui la Link la racconta. Dalle sue parole non percipisco alcuna commiserazione ma, tanto coraggio.
Inoltre è riuscita a rendermi partecipe delle varie fasi inerenti la malattia senza usare termini troppo tecnici, con un linguaggio alla portata di tutti. La descrizione di tutte le sofferenze patite da Franziskas e la scarsa professionalità di alcuni medici sono perfettamente descritte.



La speranza è capace di scatenare
forze straordinarie nelle persone.
Secondo me distruggerla fin dal principio
nel caso di una malattia grave, molto grave,
è da sconsiderati.



Ho odiato l'oncologa senza cuore e lo stimato professor B., esempi perfetti di come non deve essere un dottore, dell'indifferenza del personale medico e dei truffatori che approfittano della malattia per lucrare senza sensi di colpa.



Perderò mia sorella.
Perderò la persona senza cui
non riesco a immaginare
di continuare a vivere.



Ho letto velocemente il romanzo pur mettendolo giù tante volte. Avevo bisogno di staccare un attimo da Franziska anche se volevo fortemente tornare da lei, ero attirata dal proseguio della storia.
Ricorderò sicuramente a lungo le sensazioni che mi ha trasmesso questo libro pur essendo triste, frustrante e deprimente.





4 commenti:

  1. Questo libro tocca un argomento che al momento non mi sento di leggere, ma mi piacerebbe leggere qualcosa di questa autrice che ho sentito spesso nominare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un argomento non semplice da affrontare.

      Elimina
  2. coinvolgente quindi. Amo la Link ma di questo non ne sapevo nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un argomento forte, ma a me è piaciuto

      Elimina